PRESENTAZIONE DELLA XIII EDIZIONE DEL MASTER ITINERANTE

Pier Federico Caliari, Presidente dell’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia Onlus, presenterà il programma della XIII edizione del Master Itinerante in Museografia, Architettura e Archeologia, che avrà inizio a marzo 2019.
Il master è istituito sulla base della particolare formula dell’itineranza, con la specificità di avere un insieme di sedi differenti, nelle quali vengono organizzati singoli workshop di studio e progettazione.

Pier Federico Caliari, President of the Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia onlus, will present the program of the XIII edition of the Itinerant Master in Itinerant Architecture, Archaeology and Museum Design, which will begin in March 2019.
It is organized around a unique educational formula that includes multiple sites in different locations where individual design workshops are held.

IL PIRANESI PRIX DE ROME ALLA CARRIERA 2018 ALL’ARCHITETTO SPAGNOLO ALBERTO CAMPO BAEZA

COMUNICATO STAMPA

Il Comitato Scientifico del Piranesi Prix de Rome, in collaborazione con L’Ordine degli Architetti Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori di Romae provincia e con il Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano hanno indicato Alberto Campo Baeza per l’assegnazione del Piranesi Prix de Rome alla Carriera 2018. L’architetto spagnolo ritirerà il prestigioso riconoscimento all’alta cultura classica in architettura, venerdì 16 Marzo 2018 alla Casa dell’Architettura – Acquario Romano di Roma, dove offrirà una lectio magistralis nella quale parlerà di un’architettura antica che è stata una presenza costante nella sua riflessione progettuale, del Pantheon, e ripercorrerà, a latere, i momenti salienti della sua carriera professionale, cominciata nel 1980.
Lo annunciano congiuntamente il Presidente dell’Accademia Adrianea, Prof Pier Federico Caliari, il Direttore del Piranesi Prix de Rome, Luca Basso Peressut e Federico Bucci, Pro Rettore del Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, dopo ampio dibattito sulle candidature – avviato già dal mese di giugno scorso – con gli altri membri del Comitato Scientifico, i professori Livio Sacchi del Consiglio Nazionale degli Architetti PPC, Luigi Spinelli e Barbara Bogoni del Polo Territoriale di Mantova e Romolo Martemucci, presidente Emerito dell’Accademia Adrianea. Alberto Campo Baeza è nato nel 1946 a Valladolid, dove suo nonno era architetto, quando compie due anni si trasferisce a Cadice.
È professore Ordinario di Progettazione nella Scuola di Architettura della Politecnica di Madrid, ETSAM, nella quale è stato professore per più di 35 anni. È stato professore nella ETH di Zurigo, e nella EPFL di Losanna, nell’Università della Pennsylvania a Filadelfia, la Bauhaus di Weimar, nella Kansas State University, nella CUA University di Washington e, nel 2016, nell’Ecole d’Architecture a Tournai, Belgio. Più recentemente ha insegnato nell’Università di Buffalo, dove è stato nominato Clarkson Visiting Chair in Architecture del 2017.
Ha tenuto conferenze in tutto il mondo e ha ricevuto premi come il Torroja, per la Caja Granada, o il Premio all’Eccellenza Docente dell’Università Politecnica di Madrid. Nel 2013 ha ricevuto l’Heinrich Tessenow Gold Medal della Tessenow Society, Amburgo, l’Arnold W. Brunner Memorial Prize della American Academy of Arts and Letters, e l’International Award Architecture in Stone a Verona e la Royal Instutute of British Architects (RIBA) International Fellowship 2014. Sempre nel 2014 è stato nominato Accademico della Sezione di Architettura della Reale Academia di Belle Arti di San Fernando in Spagna. Nel 2015 è stato premiato con il BigMat Awards, a Berlino e con il Premio di Architettura Spagnola Internazionale (PAEI 2015).
Le sue opere hanno avuto un ampio riconoscimento. Dalla casa Turegano o la De Blas, entrambe a Madrid, fino alle case Gaspar, Asencio y Guerrero, a Cadice. La Caja Granada e il Museo MA, entrambi a Granada. La piazza Entre Catedrales a Cadice e le case Moliner, a Saragozza, e la Rufo, a Toledo. La casa Olnick Spanu a New York e l’Asilo per Benetton a Treviso. Nel 2012 termina un edificio per uffici a Zamora, nel 2014 la Casa dell’Infinito, a Cadice, e nel 2015 la Casa Cala a Madrid. Lo stesso anno vince il Primo Premio Ex Aequo per il Centro di Conservazione per il Museo del Louvre, a Lievin, Francia. Nel 2017 termina il Centro Polisportivo dell’Università Francisco de Vitoria.
Sono state pubblicate più di 30 edizioni del suo libro di testo “L’idea Costruita” in diverse lingue. Nel 2009 è stata editata una seconda collezione di testi “Pensare con le Mani”, nel 2012 “Principia Architectonica”, e nel 2014 “Poetica Architettonica”. Nel 2015 il suo libro “L’idea Costruita” è stato rieditato in inglese e cinese, e l’editrice Los libros de la Catarata ha pubblicato “Quiero ser Arquitecto”. La sua opera completa è stata raccolta nel libro editato da Thames & Hudson. Nel 2016 i suoi ultimi testi sono stati pubblicati con titolo “Varia Architectonica” e nel 2017 è stato editato “Teaching to teach”. Crede nell’architettura come idea costruita. E crede che i principali componenti dell’Architettura sono: la Gravità, che costruisce lo spazio, e la Luce, che costruisce il tempo.
Ha esposto i suoi progetti al Crown Hall di Mies nella IIT de Chicago, e nella Basilica di Palladio, a Vicenza. Nell’Urban Center di New York e nella chiesa di Sant’Irene a Istambul. A San Pietro in Montorio a Roma, nella prestigiosa Toto MA Gallery, a Tokyo e nel MAXXI di Roma. Recentemente nella American Academy of Arts and Letter di New York e nella Fondazione Pibamarmi a Vicenza. Nel 2016 nella Oris House of Architecture a Zagabria. Nel 2017 nella Università di Architettura di Buffalo.
Il nome e l’opera del maestro spagnolo costituiscono un nuovo importante capitolo nella storia del Piranesi Prix de Rome, che va ulteriormente ad arricchire un albo d’oro di altissimo profilo costellato da figure che hanno fatto dell’architettura contemporanea, il campo di applicazione privilegiato per una continua ricerca sull’essenza stessa dell’architettura e sui valori permanenti del classico nel complesso divenire e mutamento della realtà. Il Piranesi Prix de Rome alla Carriera è stato infatti assegnato a Rafael Moneo (2010), Guido Canali (2011), David Chipperfield (2012), Peter Eisenman (2013), Josè Ignacio Linazasoro (2014), Bernard Tschumi (2015), Yoshio Taniguchi (2016) ed Eduardo Souto de Moura (2017).

PROGRAMMA

Ore 15.30
Registrazione CHECK IN dei partecipanti

Ore 16.00
Saluti
Flavio MANGIONE
Presidente dell’ordine degli Architetti di Roma
Luca MONTUORI
Assessorato all’Urbanistica Roma Capitale
Luca RIBICHINI
Sapienza Università di Roma
Romolo MARTEMUCCI
Presidente emerito Accademia Adrianea
Federico BUCCI
Pro Rettore del Polo Territoriale di Mantova
Politecnico di Milano

Ore 16:30
Presentazione
L’albo d’oro del Piranesi Prix de Rome
Pier Federico CALIARI
Presidente Accademia Adrianea

Ore 16:45
Prolusione
Emilio FAROLDI
Polo Territoriale di Mantova – Politecnico di Milano

Ore 17:15
Cerimonia di consegna del
Piranesi Prix de Rome alla carriera

Ore 17:30
Lectio Magistralis di
Alberto CAMPO BAEZA

Ore 18:30
Dibattito e conclusioni

Ore 18.50
Registrazione CHECK OUT dei partecipanti

 

Per cartella stampa

www.premiopiranesi.net

 

La nuova collana adrianea. PROGETTARE ARCHEOLOGIA. TEORIE, QUESTIONI, PROSPETTIVE

Acquista il libro in formato digitale

Progettare Archeologia è il titolo, un po’ provocatorio di questa collana, della quale questo volume costituisce il primo numero. La provocazione sta nel fatto che nel comune pensare il dato archeologico è, appunto, un dato, cioè qualcosa con cui si ha a che fare perché è sempre stato lì, muto testimone del trascorrere del tempo che lo allontana dalla propria origine. Il dato archeologico è così perché è, perché è sempre stato così ed è il mondo che si trasforma attorno a lui e non viceversa. Quindi, è evidente che, nella logica normale, non è possibile progettare archeologia, perché non si progetta ciò che preesiste e prescinde. Punto. Si progetta ciò che non c’è.

Questa collana invece ha l’obbiettivo di registrare, accogliere e diffondere l’idea, opposta a quella del sentire comune, secondo cui l’archeologia è, invece, oggetto di progetto, in quanto oggetto estetico. Oggetto quindi del desiderio di identità che la coscienza di una comunità sente come propria. Progetto archeologico e progetto identitario sono qualcosa di sovrapponibile. Quello che li differenzia è che il primo tratta il secondo, non perché è sempre stato lì, ma perché da ora in avanti ha un senso nel comunicare una visione del mondo, che è aderente con una storia, ma che non è la storia. Ne è solo la semplice rappresentazione. Ecco quindi il senso originale: archeologia e progetto vivono in una dimensione tutta legata alla rappresentazione, tutta legata al mostrare quello che non c’è più.

L’archeologia come la conosciamo oggi è in gran parte un prodotto della modernità. Possiamo dire che l’archeologia non esiste senza il progetto moderno che le ha affidato questo ruolo nuovo. Prima di questo compito sociale, l’archeologia era cava, giacimento, luogo della sottrazione. E’ grazie all’architettura che l’archeologia è tornata ad essere oggetto sociale ed è grazie alla ricomposizione a cui è stata sottoposta che essa è tornata ad essere architettura, sebbene frammentaria, in un paesaggio architettonico e naturalistico.

In questa collana, raccoglieremo i contributi che provengono dall’architettura e che vanno nella direzione dell’archeologia e a favore della sua rappresentazione, laddove questa assume i tratti di un allestimento, di una nobile sistemazione delle cose visibili, e che vive in una dimensione ostensiva all’interno di un Delta T che non sempre è determinabile con una previsione di scadenza. La dimensione in cui l’architettura si manifesta attraverso l’archeologia è quindi ispirata da una consapevole incompiutezza e allo stesso tempo da una vocazione museografica e paesaggistica.

Questo primo numero, curato da Massimo Bellotti, raccoglie contributi di diversa provenienza geografica, prodotti anche in tempi differenti e generalmente tutti ascrivibili agli eventi e call attivati dall’Accademia Adrianea di Architettura e Archeologia Onlus tra il 2012 ed oggi. Altri scritti sono stati specificatamente richiesti agli autori e quindi possono essere considerati come scritti d’occasione.

Acquista il libro in formato digitale

IL CONCORSO PER VIA DEI FORI IMPERIALI PRESENTATO AL SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA

Scarica comunicato stampa in pdf

Il concorso di idee per Via dei Fori Imperali a Roma, bandito dall’Accademia Adrianea di Architettura eArcheologia in collaborazione con l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, sarà presentato pubblicamente in occasione del Salone del Restauro di Ferrara il 7 Aprile prossimo, alle ore 13,45 (Sala D, 1° piano tra Padiglione 5 e 6 ).

L’Accademia Adrianea ha infatti programmato due presentazioni ufficiali del concorso in concomitanza conaltrettanti eventi di notevole importanza, rispettivamente tecnica e simbolica. L’evento di Ferrara è da considerarsi di grande importanza sotto l’aspetto della partecipazione di quell’area di interesse tecnica e culturale, relativa al progetto per il patrimonio e al restauro, che costituisce un target specifico e di potenziale partecipazione al concorso. La seconda presentazione, dalla valenza fortemente simbolica, avverrà a Roma in occasione del Natale dell’Urbe, in prossimità del 21 Aprile prossimo.

L’iniziativa dell’Accademia Adrianea, organizzazione senza scopo di lucro presieduta dal Prof Romolo Martemucci e attiva nel settore della formazione e ricerca scientifica nel settore dei beni culturali, sta interessando non solo il mondo dell’architetttura e dell’archeologia, sia accademico che professionale su scala internazionale, ma in modo diretto l’opinione pubblica nazionale e in particolare l’intera città di Roma. Infatti, essa si colloca in un momento strategico per il futuro della città coincidente con l’elezione del nuovo sindaco. Via dei Fori Imperiali costituisce infatti un nervo scoperto per qualsiasi amministrazione, sia per lo storico dibattito che l’accompagna ormai da quasi mezzo secolo, sia per il reale problema urbano ad essa sotteso sotto il profilo dell’immagine architettonica e monumentale della città, e sotto il profilo della ricerca archeologica.

L’idea dell’Accademia Adrianea di inserire il concorso nel quadro delle attività del Piranesi Prix de Rome 2016 – XIV Edizione, colloca l’evento concorsuale nella grande tradizione culturale romana dell’architettura per l’archeologia innestata dai pensionnaires francesi di Villa Medici e proseguita dalle grandi personalità che prima e dopo l’Unità d’Italia si sono confrontate con il grande tema dell’Area Archeologica Centrale, da Antonio Nibby a Raffaele Stern, da Giuseppe Valadier a Luigi Canina, da Rodolfo Lanciani a Corrado Ricci, da Giacomo Boni ad Antonio Muñoz, fino a Leonardo Benevolo, Vittorio Gregotti e Massimiliano Fuksas in tempi più recenti.

E’ il direttore dell’Accademia Adrianea nonchè curatore del Piranesi Prix de Rome, il Prof Pier Federico Caliari, ad enucleare ragioni, obbiettivi e modalità del concorso, anticipando alcuni dei temi che saranno trattati durante la presentazione a Ferrara. Innanzitutto il perchè del concorso:

 “Il concorso è stato bandito perchè se ne sentiva francamente il bisogno. Questo per due ragioni: da una parte, lo stato delle cose, cioè la necessità di riqualificare una delle strade più importanti del mondo e che tutto il mondo ci invidia, la quale è stata interessata negli ultimi anni da pesantissime trasformazioni che richiedono ora una ricomposizione generale. Dall’altra a causa del consolidarsi di una prassi basata sulla consultazione “privata” anzichè sulla consultazione pubblica. Prassi attiva dagli anni ottanta del secolo scorso e che ha di fatto esautorato l’istituto concorsuale stesso a favore del coinvolgimento diretto di singoli progettisti. Noi consideriamo le questioni relative non solo a Via dei Fori Imperiali ma a tutta l’Area Archeologica Centrale, un corpus problematico enorme e troppo complesso per essere affrontato con modalità parziali e senza il dovuto coinvolgimento pubblico”.

Ci si chiede, evidentemente, cosa si vuole ottenere con questo concorso e se esiste, in prospettiva, un secondo capitolo dopo l’assegnazione del Piranesi Prix de Rome a fine Agosto. Fino a dove si vuole arrivare? E’ stato programmato un sequel? A parlarne è il Prof Luca Basso Peressut, direttore del Piranesi Prix de Rome.

“Questo concorso è finalizzato ad ottenere innanzitutto un risultato scientifico. Il bando è stato disegnato in base a questo principio. Ma il caso ha anche voluto che la procedura corresse anche in parallelo all’elezione del nuovo sindaco di Roma. Non possiamo quindi far finta di niente e non comprendere l’occasione straordinaria che si pone, non solo sotto il profilo mediatico, ma soprattutto sotto il profilo delle politiche culturali che il vincitore della sfida elettorale sceglierà di attuare. L’esito di questo concorso sarà un corpus di idee scientificamente fondate che sarà disponibile per chi governerà la città. Possiamo dire che l’insieme delle conoscenze, idee e strategie progettuali sottese a questa consultazione costituisce un dono molto prezioso offerto alla città di Roma e, speriamo, occasione di sviluppo realizzativo per coloro che meglio figureranno al termine confronto concorsuale”.

Come annunciato da tempo, il bando richiede una particolare modalità di partecipazione, basata sulla collaborazione tra mondo universitario e mondo della professione. Perchè questa formula? A rispondere è il Prof Luca Basso Peressut, direttore del Piranesi Prix de Rome.

“La formula della partecipazione con gestione “biconsolare” dei gruppi di progettazione (un coordinamentoaffidato ad un professore universitario assieme ad un professionista di profilo internazionale) è stata scelta per posizionare l’Università al centro dei processi più qualificati relativi alla progettazione architettonica per l’archeologia e al tempo stesso, offrire ai professionisti non accademici il supporto dell’autorevolezza della ricerca scientifica. Unione necessaria non solo per garantire una qualità allargata anche a livello internazionale, ma anche per ricomporre l’unità del progetto in un’unica figura, quella di docente e di professionista assieme, che l’attuale legislazione italiana sull’Università ha disarticolato con danni incalcolabili, sia nella scuola che nella qualità professionale in generale. Questa formula vuole quindi essere un modello finalizzato anche alla revisione critica della normativa italiana. Naturalmente, ciò prevede anche una partecipazione più complessa da strutturare, che però consideriamo irrinunciabile per una progettazione che non sia solo autoreferenziale”.